torna alla pagina iniziale del Gruppo polifonico Claudio Monteverdi

English


Home > Repertorio > Passione di Christo

Passione di Christo - Secondo Giovanni

di Francesco Corteccia (1502 - 1571)

Nella Passione Secondo Giovanni il musicista ha affidato al coro virile, spartito in quattro voci, le turbarum voces cioè gli interventi del popolo, dei soldati e dei grandi sacerdoti, mentre lo storico, cioè la voce recitante, presenta il testo evangelico nella "lingua fiorentina" affinchè, come ebbe a dire il Corteccia, la comprensione del popolo fosse esatta ed immediata.

Il racconto della Passione di Christo si snoda quindi lungo due direttrici: la recitazione in volgare e gli interventi della folla in latino.
La narrazione evangelica viene interrotta nei momenti salienti da alcuni esponsori tratti dalle profezie e dalle lamentazioni che rappresentano, secondo le intenzioni del Corteccia, momenti di divota meditazione.

Questi inserti polifonici sono le pagine più ispirate dell'intera opera: in particolare il toccante Trìstis est anima mea, il drammatico Caligaverunt oculi mei e il Tenebrae factae sunt che è considerato un capolavoro del genere mottettistico.

Alla conclusione, dopo la morte di Christo, il coro conclude con la Evangelium che è il racconto della deposizione dalla croce e della sepoltura.

da questo repertorio il gruppo polifonico Claudio Monteverdi ha anche tratto uno splendido compact disc



Copyright 2002-2011 © Gruppo Polifonico Claudio Monteverdi - Privacy
Web Design Dreosso.IT